27 dicembre 2007

BitNami Applications Stacks

BitNami è un ambiente integrato open source che permette di sviluppare e provare localmente le nostre applicazioni web.
Si appoggia su differenti piattaforme come Windows, Linux, MacOS, e si appoggia a differenti infrastrutture come LAMP, MAMP, Ruby o WAMP le quali mettono a disposizione, ciascuna per il proprio SO un insieme di tool come Apache, MySQL, PHP ecc.
La forza di BitNami, però, è data dalla possibilità di installare direttamente con l'infrastruttura anche una applicazione di lavoro che ci permette di sviluppare o provare le nostre applicazioni, oppure i nostri blog o ancora i nostri modelli di blog.
Infatti dal sito è possibile scaricare, integrati con BitNami, direttamente applicazioni come WordPress, Joomla, Drupal, phpBB, e molti altri.
L'installazione avviene in locale sul disco della nostra macchina ed è così possibile avere belle e pronte applicazioni per Blogger (Roller e WordPress), CMS (Drupal, Joomla!, Alfresco,..) Forum, portali e così via.
Il tutto funziona attraverso il nostro browser preferito, proprio come se stessimo lavorando su internet, con il vantaggio di avere tutto in locale e di poter fare prove, esperimenti e tentativi vari senza compromettere magari l'impostazione del nostro preziosissimo blog.
Difficile riportare per esteso le sensazioni durante la prova che ho effettuato, anche perchè ho installato in sequenza WordPress e Drupal mentre attualmente stò dando un'occhiata a KnowledgeTree che è un Document Management System open source.

Ad esempio con WordPress, che viene rilasciata con la 2.3.1-1, in fase di installazione, viene richiesto il nome e la passord per l'utente del blog, come inuna registrazione on-line.

Successivamente viene richiesto il nome del blog e il nome di riconoscimento della macchina (IP oppure localhost)

Poi, prima dell'inizio dell'instalazione vera e proprio, viene richiesta la passord per l'utente "administrator" che gestirà l'ambiente PhpMyAdmin per la gestione del database.


Durante l'installazione vengono copiati tutti i file necessari nella directory che avremo scelto.
L'installer suggerisce, almeno per Windows, il classico percorso nella cartella Programmi, ma utilizzando Win2003Srv, personalmente preferisco mettere questo genere di applicazioni in una cartella a parte per non avere problemi con i permessi di accesso.

Al termine dell'installazione se si sceglie di far partire l'applicazione, appare una pagina web che permette di far partire WordPress, collegarsi a phpMyAdmin oppure di andare direttamente ai siti di WordPress o di BitNami.

24 dicembre 2007

BUON NATALE



23 dicembre 2007

ADVENTUM

Questo scritto lo dedico a tutti coloro che pensano di poter vivere senza DIO

E così vi stupite se uomini di Chiesa
hanno avuto le mani in pasta
se hanno avvallato atrocità,
se hanno commesso atrocità, se hanno bruciato innocenti

se hanno bruciato dei santi, se hanno abusato,
se hanno sperperato
se hanno fatto nepotismi,
se hanno gozzovigliato, se hanno messo mano alla spada

se l'hanno usata, quella spada,
se hanno giudicato, se hanno condannato

se insomma credendo di fare bene hanno fatto male

o se hanno fatto il male sapendo di farlo
con piena coscienza
e deliberato consenso
di questo vi stupite,
fratelli, ipocriti.
Come se il vostro occhio fosse pulito
e le vostre mani linde
come
se non guardaste con odio il vicino e con livore il prete

se non giocaste sporco quando nessuno vi vede

se non vi scriveste le leggi non appena potete
giustificandovi
scusandovi con voi stessi.
Siete come loro, siete proprio come loro

perchè siete uomini, perchè siamo uomini,
e non riusciamo ad essere più che uomini
per quanto ci sforziamo.

Ma se voi volete rendere conto a voi stessi solamente,

gli uomini di Chiesa devono rendere conto a Dio

infinitamente più severo, infinitamente più stretto
infinitamente più misericordioso di voi.

Noi ci si perdona da noi stessi
noi ci si scusa da noi stessi
e noi ci si giustifica per tutto quello che facciamo;

ma con Dio occorre farsi perdonare;

e il perdono non è facile da ottenere.

Bisogna pentirsi, bisogna capire,

bisogna riconoscere di potere sbagliare di essere uomini.
E non è facile

Non è semplice

Cercate quanto volete e ditemi
se ne trovate
che si siano pentiti che abbiano capito
che abbiano riconosciuto di avere sbagliato

ditemi se ne trovate fuori di questa storia.

Perchè siamo uomini e se non riconosciamo un Dio
siamo dèi a noi stessi: ben miseri dèi.

E' per questo che Dio è venuto

è per questo che Dio è nato
è per questo che Dio è arrivato
in una terra sgradevole, a morire;

e ci ha salvato dalle nostre bugie
dal nostro essere ladri,
mentitori, assassini
incapaci di amore nel piccolo come nel grande
perchè da soli, uomini, non ce la facciamo.
E resistendo, scalciando, tradendo
mille volte
e poi chiedendo perdono
e tradendo ancora
seguiamo una strada
riconosciamo una strada che non siamo noi.
In questo tempo facci il dono che non abbiamo ancora

dacci il regalo che più desideriamo

quello che da noi non riusciamo ad ottenere

donaci un miracolo, donaci di cambiare.

Vieni, Signore,

Vieni anche per noi peccatori.


Preso da questo LINK

L'inadeguatezza del termine "feto"

Segnalo, con grande gioia, questo spelendido intervento di Carlo Valerio Bellieni, Dirigente del Dipartimento Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico Universitario "Le Scotte" di Siena e membro della Pontificia Accademia Pro Vita

LINK