12 aprile 2009

NAS DNS-323 - Aggiornamento firmware

In un recentissimo post scrivevo di aver acquistato questo NAS della D-Link.

Il modello che mi è arrivato ha l'hardware della classe B1 ed è inizialmente equipaggiato con il firmware vers. 1.05.
Dal sito della D-Link ho visto che è uscita la nuova versione 1.06 del firmware che corregge alcune cosette ed apporta come sempre in questi casi alcune migliorie al software di gestione della macchina.

Le migliorie sono queste prese dalla pagina del forum D-Link:

DNS-323 Firmware 1.06 Release Notes
===========================================================

Feature Additions:
1. Supports 1.5 TB Hard Drives
2. USB port supports UPS monitoring
3. Add option to Manually or Automatically Rebuild Raid
4. UPnP AV supports Microsoft XBoX 360, Sony PlayStation 3
5. Support FTP over SSL/TLS
6. Add Unicode support to FTP Server
7. Email Alerts supports Gmail

Function Changes:
1. Turn off Fan at low system temperature
2. Disable UPnP AV Server and iTunes Server by default.
3. Remove static DNS from the DDNS server provider list
4. Remove the DDNS Timeout setting from GUI, and change the Status design. fixed timeout timer as 576 hours
5. Remove the Auto Refresh Timer option for UPnP AV and iTunes Server, instantly Auto Refresh by default.
6. More user friendly Time Settings GUI design

Bug fixes:
1. Fix BT downloaded files sometimes are unable to be deleted
2. UPnP AV support large file (over 4GB)
3. Fix 1st HDD unable to sleep
4. Fix HDD cannot hibernate if UPnP AV or iTunes Server is enabled
5. Time stamp of files are incorrect when DST is enabled


Per effettuare l'aggiornamento del firmware basta scaricarlo da questo link in una cartella qualsiasi del computer.
Il file scaricato è un compresso in formato rar. Scompattarlo e tramite l'interfaccia web del NAS installare la nuova versione del firmware.


L'operazione è sempre un pochino rischiosa specialmente se,per combinazione, dovesse mancare corrente durante il caricamento. Se si dispone di un piccolo UPS nessun problema, altrimenti incrociate le dita per circa 60 sec.

Per la cronaca ecco l'animaletto...

Cercando sulla rete ho trovato numerosi siti che parlano di questa unità NAS. Uno dei più interessanti è certamente una Wiki piuttosto completa, anche se in inglese, ove trovare tantissime informazioni che consentono di trasformare il DNS-323 in uno strumento più duttile rispetto a come viene distribuito dalla casa madre.

Una delle operazioni più semplici è sicuramente l'abilitazione di telnet per poter accedere direttamente alla console di Linux del NAS.
Appena ho tempo scriverò un post a proposito.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Davide, complimenti per il blog. Ti scrivo perchè sono in procinto di acquistare anch'io un DNS 323. Ho avuto modo di leggere su un po' di post che come NAS soho il DNS 323 ha un ottimo compromesso prezzo/prestazioni.
Sui vari link si parla di 15/20 MB al secondo di transfer rate. Siccome vorrei utilizzarlo come storage esterno per un piccolo ambiente di test su linux volevo chiedere le tue impressioni circa le prestazioni con più flussi paralleli di streaming solo perchè ho il dubbio che la CPU Arm sia un pochino sottodimensionata.
Possiedo già uno storage realizzato ad hoc ma vorrei ridurre i costi di esercizio ed i consumi elettrici e per il momento il DNS 323 sembra il giusto compromesso.
Grazie in anticipo per la risposta.

Davide Prati {SysOpDav} ha detto...

Devo dire che nella mia povera rete 100 Mb le prestazioni relative al transfer/rate sono un pochino deludenti anche per grossi file raramente si superano i 5 MB.
L'apparecchio è però sicuramente affidabile ed ha una dotazione di software interno molto ampia.
Utilizzo spesso il suo client Torrent che funziona piuttosto bene.
Sostanzailmente dopo un anno e mezzo di esercizio devo dire di essere soddisfatto di questo prodotto.